Lukashenko: La Bielorussia risponderà al rinforzo della Nato ai suoi confini

3

MINSK, 12 marzo (BelTA)

2012-03-19T151959Z_184943202_GM1E83J1T1J01_RTRMADP_3_RUSSIALa Bielorussia risponderà adeguatamente al rafforzamento delle forze Nato vicino ai suoi confini, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha rilasciato questa dichiarazione a margine di  una riunione del Consiglio di Sicurezza dove si discutevano i risultati preliminari della prima fase della verifica dell’efficienza delle forze armate bielorusse, fonte BelTA. “Abbiamo recentemente visto l’escalation del conflitto, e questo è già un dato di fatto.Non deve accadere quanto è accaduto in Libia, in Siria e in Iraq. Questa è vicino ai nostri confini. Quanto accade colpisce i nostri interessi, e non possiamo osservare ciò passivamente”, ha dichiarato Alexander Lukashenko. Voglio sottolineare che non stiamo provocando nessuno, se saremo attaccati risponderemo adeguatamente. Se la Nato ha deciso, insieme agli americani di creare una flotta aerea vicino ai nostri confini, non staremo a guardare. Hanno schierato una mezza dozzina di caccia-intercettori e di altri modelli balistici in Lituania,  volano vicino ai nostri confini! Suggerisco di agire in modo appropriato. Stiamo già agendo. Il ministro della Difesa ha ricevuto la mia istruzione, e, come mi è stato riferito, è in corso di attuazione”, ha dichiarato il presidente. Secondo Alexander Lukashenko, la Bielorussia e la Russia hanno un gruppo congiunto di truppe sul confine occidentale.
“Questo è in sincronia con il trattato di Unione statale tra Russia e Bielorussia. Il gruppo ha un piano d’azione, compreso il piano d’azione in tali casi. Questo non è un conflitto militare o  una guerra. Non abbiamo intenzione di annunciare la mobilitazione o mettere le nostre forze armate in allerta da combattimento. Eppure dobbiamo pianificare una risposta adeguata in questi casi. Questo è l’imperativo categorico non solo della Repubblica di Bielorussia, ma anche della Federazione russa, “ha dichiarato. Non abbiamo assolutamente nulla da nascondere. Oggi Voglio istruire il Ministero della Difesa (abbiamo lavorato con questi problemi prima, sapendo che tutto può succedere) per mettere a punto un piano adeguato.Questo perché stiamo osservando quanto accade vicino ai nostri confini… Abbiamo iniziato a controllare la prontezza al combattimento delle nostre truppe molto tempo fa, prima del conflitto. La prima fase è finita. Il segretario di Stato riporterà i risultati della prima fase. La seconda fase è ancora da percorrere. credo, sia il momento per noi di iniziare la seconda fase del l’ispezione, e come parte di questa ispezione, sia da implementare, se necessario, ulteriori forze e di condurre esercizi appropriati come stanno compiendo i nostri vicini in Polonia ha aggiunto il presidente. Agiremo in modo adeguato. Non abbiamo bisogno di mobilitare le Forze Armate. Abbiamo sufficienti unità pronte ad una risposta rapida, se necessario. Essi possono essere distribuiti con un breve preavviso e sono completamente attrezzate. Pertanto non vi è alcuna necessità di ulteriori convocazioni. Lo faremo, se necessario, in modo regolare. Abbiamo abbastanza persone pronte al combattimento che rispondono al Ministero dell’Interno. Noi non nascondiamo nulla. Questi elementi sono militari ben addestrati. Se necessario, essi, saranno coinvolti con compito di truppe di frontiera. Si tratta di una sintesi delle nostre azioni che io come comandante in capo pongo dinanzi a nostri militari”, ha concluso il presidente.

Traduzione a cura di Dario Daniele Raffo

Discussion3 commenti

  1. Pingback: La Bielorussia di Lukashenko - Pagina 2

  2. Pingback: Lukashenko studia come risolvere un eventuale rivolta arancione in Bielorussia

  3. Pingback: Lukashenko e il socialismo bielorusso - Pagina 2

Invia un Commento


*