Maduro allerta i chavisti sugli attacchi e le minacce rivolte a Russia e Brics

0

 

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maturo, ha chiesto ai chavisti di stare attenti alle “minacce” che sono in atto contro la Russia ed ha preteso che gli Stati Uniti, l’Europa e la NATO, “sospendano gli attacchi” contro la nazione euro-asiatica. Maduro ha parlato anche di “attacchi” che sarebbero in corso contro il governo di Dilma Rousseff per i suoi tentativi di fare dell’America del Sud “un continente unico ed unito.”
MADURO

Noi siamo consapevoli di questa minaccia contro la Russia e, dal Venezuela con voce chiara esigiamo che quelli che oggi accusano e minacciano la Russia, sospendano questo attacco che si concretizza nella ricerca di motivi per giustificare una guerra contro la Russia”.

Maduro ha altresì affermato che “sappiamo molto bene quello che stiamo dicendo e perciò invochiamo pace e rispetto per la Russia e il diritto per tutti i paesi alla crescita e alla esistenza in un mondo di uguali”.

Maduro ha sottolineato come l’Europa e gli Stati Uniti accusino la Russia di tenere una politica aggressiva anche quando si sta semplicemente difendendo, oppure portino accuse infondate come quando Mosca viene accusata di aver invaso l’ucraina con i propri mezzi militari.

Il presidente venezuelano ha avvertito inoltre che tutte le nuove sanzioni dell’occidente contro mosca non intendono solo fermare i russi ma anche nello stesso tempo, mandare un messaggio alla Cina e agli altri paesi del BRICS tra i quali Brasile, India, Cina e Sudafrica.

Il presidente venezuelano ha inoltre aggiunto “Voi tutti avete visto la guerra che è stata fatta in Brasile contro la nostra sorella Dilma Rousseff per cercare di far fallire il progetto previsto da Lula Da Silva di un Brasile sudamericanista che ci considerava fratelli e di un Brasile potenza mondiale che cerca uno sviluppo equilibrato e pacifico.”

Maduro ha inoltre avvertito di “Stare attenti a certi fenomeni che nel mondo si stanno accrescendo come le minacce del terrorismo che stanno cercando di distruggere grandi paesi del medio oriente come la Siria e l’Iraq.”

La Libia e’ stata distrutta al punto che è passata dall’essere uno dei Paesi con maggior sviluppo economico e sociale dell’Africa ad un paese distrutto e schiacciato dalla tragedia della miseria; queste sono le conseguenze che si hanno quando l’impero attacca e si impadronisce di un paese. Quello che hanno cercato di fare, senza riuscirci, con il Venezuela, ha convertito la Libia in una fabbrica di terrorismo che minaccia tutto il mediooriente e l’Africa del nord.” Ha aggiunto Maduro.

Traduzione di Thorwald Eiriksson

Fonte: EURASIA HOY

Invia un Commento


*