Pubblicato il: 25 febbraio, 2012

Un dissidente siriano sollecita la pulizia etnica contro le minoranze!

The Arab Digest

Fiamma Nirenstein e Mamoun Homsi, a un convegno sulla sicurezza organizzato a Praga dai Neocons statunitensi

La retorica della rivoluzione in Siria ha preso una pericolosa svolta confessionale, quando l’ex deputato siriano e attivista dell’opposizione Mamoun Homsi, 56 anni, ha minacciato la pulizia etnica contro le minoranze. Ha detto chiaramente che in Siria, “non ci saranno le minoranze”, e ha chiesto la cancellazione della comunità Alawita al governo.
Arab Digest ha trascritto e tradotto questo video:
Saluto l’eroico popolo siriano, saluto gli eroi della Siria, i sunniti di Siria. Saluto voi uomini che difendete il vostro paese e la vostra religione. Da oggi,   spregevoli Alawiti, o vi dissociate da Assad, o la Siria sarà il vostro cimitero. Basta con l’uccisione di sunniti, non staremo in silenzio a partire da oggi. Occhio per occhio, dente per dente, e il colpevole è l’aggressore.
Da oggi, non ci saranno più minoranze. Lo giuro, se voi (Alawiti) non vi dissociate da questo gruppo e da queste uccisioni, noi vi daremo una lezione che non dimenticherete. Vi spazzeremo via dalla Siria e dalla sua terra.
Basta, dieci mesi di omicidi di donne e bambini … oggi, Homs, Hama e Deir al-Zour sono colpite. Non staremo in silenzio a partire da oggi. Il mondo intero vi caccerà. Faremo la Siria il cimitero degli Alawiti se non la smetterete di uccidere. Viva la Siria e abbasso lo sciismo politico … saprete chi sono i sunniti da oggi“.
Homsi discende da Homs che ha visto un crescendo di assassini settari nei mesi scorsi.
D’altra parte, i leader dell’opposizione hanno risposto negativamente alle dichiarazioni di Homsi sulla Siria. Yassin al-Haj Saleh, intellettuale di sinistra e dissidente che ha trascorso 17 anni nelle carceri di Assad, ha detto nella sua pagina Facebook: “Non ho visto e non voglio provare a vedere cosa Mamoun Homsi ha detto. Ma il poco che so di lui è abbastanza per permettermi di augurargli ciò che auguro ai miei nemici“. Il poeta Faraj Bayrakdar, che è originario anche lui di Homs, ha chiesto ad Homsi di scusarsi, o altrimenti “non lo contatterò mai più“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio


Collaborazioni

Unione della Gioventù della Repubblica di Bielorussia

Partito Alianţa Socialistă

Radio IRIB Italia

Türkiye Gençlik Birliği

Partido del Trabajo

Српске радикалне странке

Partito Social-Nazionale Siriano



Un dissidente siriano sollecita la pulizia etnica contro le minoranze!