La “Grande-Europa” contro l’occupante USA

6

Intervista di SeP a Luc Michel, presidente del Partito Comunitario Nazional-europeo (PCN)
 

993069_343949559072802_84283913_nStato e Potenza ha intervistato Luc Michel, presidente del Partito Comunitario Nazional-europeo (PCN) per saperne di più sulla sua organizzazione transnazionale, sulla sua ideologia, sul “comunitarismo europeo”, sulla sua prassi e i sui suoi 30 anni di combattimento per la Grande-Europa da Vladivostok a Reykjavik…
 

1) STATO & POTENZA: Quali sono le principali posizioni economiche, sociali, politiche e geopolitiche della vostra organizzazione, il PCN, il Partito Comunitario Nazional-europeo?

Luc MICHEL: Per prima cosa ci basiamo su una visione socio-economica, denominata “comunitarismo europeo”, concepito nei primi anni ’60 (niente a che vedere con i “comunitaristi” americani come Amitai Etzioni, apparso nel 1991) e che noi consideriamo come il “socialismo del XXI secolo”. Il comunitarismo europeo è una dottrina, una visione globale del mondo – una Weltanschauung, direbbero i filosofi tedeschi -, ideologica, geopolitica, etica, filosofica…
In che cosa consiste? Si tratta di una società solidale, di una società in cui c’è la giustizia sociale, una società in cui è lo Stato che comanda al mondo economico. Ma è anche un Socialismo rettificato. Vale a dire che abbiamo tirato le conseguenze, dalla fine degli anni ’60, del fallimento economico del marxismo-leninismo che già all’epoca si annunciava. E siamo quindi per un’economia dove esiste un mercato, strettamente controllato dallo Stato, per la piccola produzione. Vale a dire i negozi, la produzione agricola, ecc. Per contro, ciò che conta per noi, è il ruolo svolto nell’economia da un’impresa a livello strategico, a livello militare, a un livello d’interesse per lo Stato.
Che cosa vuol dire? Che non ci dà fastidio che un produttore di biciclette possa divenire una grande azienda ma, per contro, l’intero settore militare-industriale, tutto il settore della produzione di energia, deve essere controllato dallo Stato.
Questa è una forma di socialismo. Questo è il contenuto.
Il contenuto deve esistere dentro un contenitore. Ed è la dimensione.
Noi abbiamo constatato che tutti gli esperimenti socialisti che hanno cercato di svilupparsi in un piccolo paese hanno fallito. Esiste una dimensione minima perché un socialismo scientifico possa avere successo. Si tratta di uno Stato di grandi dimensioni. Com’era l’Unione Sovietica. Com’era, anche se molto meno, la ex Jugoslavia. O com’era un tempo la Cina.
Questo Stato è per noi abbastanza semplice da definire. Questo è ciò che noi chiamiamo la “Grande-Europa”, vale a dire l’unificazione continentale da Vladivostok, nell’Estremo Oriente russo, a Reykjavík in Islanda. E dal Quebec al Sahara.
Questa visione, in parte, ma penso che questo sia una delle vostre domande seguenti, si ricollegava alle tesi sull’Eurasiatismo, un tema che abbiamo fatto riemergere dal 1984.
Noi abbiamo sviluppato questa visione della Grande-Europa a partire dai primi anni ’60. Con il fondatore della nostra organizzazione transnazionale Jean Thiriart. E noi l’abbiamo rielaborata e adattata a partire dagli anni ’80, tenendo conto soprattutto del fallimento dell’esperimento sovietico.
 
 
2) STATO & POTENZA: E come s’inserisce politicamente il PCN, in quanto partito, in tutto questo?

Luc MICHEL: Siamo ovviamente un partito di opposizione radicale al Sistema. Siamo contrari ai partiti tradizionali. E naturalmente siamo contrari all’occupazione imperialista dell’Europa da parte degli Stati Uniti e della NATO.
Ci definiamo infatti come un partito di opposizione extra-parlamentare. Tra il 1995 e il 1999, siamo stati rappresentati in diverse istituzioni parlamentari belghe, in particolare il ‘Parlamento Vallone’, il ‘Parlamento della Comunità francese del Belgio’, e nell’equivalente di un Consiglio regionale francese che è il ‘Consiglio Provinciale di Hainaut’. 166084_480562941959640_1669219090_n
Noi l’abbiamo considerata un’esperienza totalmente negativa. Quell’ambiente è corrotto e corruttore, inefficace e impotente. E non crediamo affatto che il parlamentarismo borghese sia una soluzione e che sia possibile trovarvi una soluzione dall’interno. Noi siamo per questo un movimento extra-parlamentare.
 
 
3) STATO & POTENZA: In particolare, voi difendete un’ideologia europeista, quella della Grande-Europa. Cosa ne pensate dell’Unione Europea?

Luc MICHEL: Vi diciamo che la nostra visione dell’Unione Europea è cambiata. Quando Thiriart ha definito, negli anni ’60, le sue tesi sulla Grande-Europa, che evocavano già nel 1962-1964 una Grande-Europa fino a Vladivostok – Thiriart, come me, ha sempre detto che “la Russia è anche l’Europa” – la nostra visione era che l’Unione Europea rappresentava una tappa. Una tappa di un processo federale o confederale verso la realizzazione della Grande-Europa.
Purtroppo, con il trascorrere del tempo, abbiamo constatato come l’Unione Europea abbia tradito l’idea europea. Questo è cominciato con il Trattato di Maastricht. Poi fu l’Atto unico europeo, il tentativo della Costituzione europea. Vale a dire che, a poco a poco, l’Unione Europea, da un grande progetto di liberazione e unificazione del nostro continente, è diventato solo il braccio politico della NATO.
Inoltre, il progetto dell’Unione Europea è solo un progetto che segue l’agenda della NATO. Si tratta di un progetto anti-russo. Basta vedere cosa sta accadendo in questo momento in Ucraina per averne un esempio attuale.
Se si guarda alle due principali operazioni di politica estera dell’Unione Europea, il PESC (Politica Europea di Sicurezza Collettiva) e il “Partenariato Orientale” (Eastern Partnership) che mira a staccare la Georgia, l’Armenia, la Bielorussia, l’Ucraina, la Moldova dalla sfera d’influenza russa – quello che i russi chiamano “estero vicino” – vediamo che la NATO domina totalmente l’UE.
Tuttavia, ed è qui che noi siamo completamente in disaccordo con gli anti-europei, i cosiddetti “euroscettici”, pensiamo che non si debba “buttare via il bambino con l’acqua sporca”. commissione-uropea
Nell’Unione Europea ci sono, da una parte, i politicanti. Per parlare più chiaramente, i rappresentanti del “partito americano”; la social-democrazia, la democrazia cristiana, i verdi e i liberali, tutti espressione della dominazione nordamericana.
Ma al loro fianco c’è uno strumento di potere, l’amministrazione della Commissione Europea, che è il dispositivo unificante che gira intorno alle istituzioni europee, che è l’inizio di una classe tecnocratica europea (termine non dispregiativo per noi). Queste sono persone che non si preoccupano di politica. Questi sono dirigenti e funzionari. Possiamo parlare di loro come di una tecnocrazia, ma abbiamo bisogno di tecnocrati per fare uno Stato. Come i ‘Siloviki’ in Russia. Quello che loro costruiscono, è uno strumento di potenza. Questo strumento può esistere – come ora – come uno strumento al servizio della NATO e degli Stati Uniti. Ma può esistere anche un domani al servizio della Grande-Europa.
Voi dovete sapere che nella storia del colonialismo, sia questo francese, inglese, italiano, ecc. sono spesso i colonizzatori che hanno creato le condizioni per l’unificazione delle colonie. Questo è ciò che sta accadendo per noi in Europa occidentale e in Europa centrale.
Noi seguiamo e ci aspettiamo due fenomeni importanti. Vale a dire, da un lato, lo sviluppo di questa categoria europea che viene spesso umiliata dai nord-americani. Quando si parla di diplomatici, di alti funzionari che non sono personale della politica politicante, vi è un’umiliazione in rapporto a quello che sono e a quello che fanno in Europa. Prendete ugualmente l’esempio dei militari, che non sono altro, nella NATO, che la fanteria coloniale del Pentagono.
Accanto a questo, vi è un secondo fenomeno. È la crescita dell’anti-americanismo nelle masse europee.
Noi diciamo che la condizione di una rivoluzione in Europa è duplice: è la giunzione, da un lato, tra la classe tecnocratica transnazionale e le masse europee anti-americane. E, dall’altra, poiché siamo anche leninisti, gli eredi del “Che fare?”, di un partito rivoluzionario di Quadri – quello che noi chiamiamo un “partito storico rivoluzionario”. Ed è a questo che la nostra organizzazione sta lavorando…
 
 
4) STATO & POTENZA: Ora la domanda che sta lacerando l’Unione Europea: cosa ne pensate dell’Euro e della crisi finanziaria?

Luc MICHEL: Penso che ci sia attualmente una notevole confusione tra le cause e le conseguenze di questa crisi.
Qual è la causa dell’attuale crisi finanziaria?
Questa è la globalizzazione ultra-liberista. È l’economia globalizzata sotto la dominazione nordamericana. Ed è l’appetito economico, l’appetito consumista dei bankster (un termine che non è l’invenzione del fascista belga Degrelle nel 1934, ma della propaganda della KPD in Germania negli anni ’20). Il termine non è troppo forte perché si tratta esattamente di questo!
La crisi dell’Euro è una conseguenza di questo. Non è, come molti euroscettici sostengono, la causa. C’è stata ad Atene, lo scorso dicembre, una riunione dei partiti euroscettici, alcuni dei quali hanno dei leader stimabili, ma che si sbagliano quando credono che l’Euro è la causa e che bisogna uscire dall’Euro.
Siamo nel cuore di una crisi economica e finanziaria. Dietro, c’è una guerra economica.
C’è, prima di tutto, una guerra Europa-USA che esiste dalla fine degli anni ’70. Ho scritto molto, nel 1984-1985, su questa guerra economica. Questo è ciò che io chiamo la “contraddizione interna dell’Unione Europea”. C’è, da una parte, una dominazione, un’alleanza integrale militare e politica con gli Stati Uniti, è l’Atlantismo. Ma, parallelamente a questo, il principale nemico economico degli Stati Uniti è precisamente l’Unione Europea.
A questo si aggiunge la guerra delle valute. euro-speculazione-short-position
Questa guerra fu per lungo tempo una partita a due. L’Euro contro il Dollaro statunitense. C’è una speculazione dovuta alla crisi. La parvenza di prosperità americana, la risposta di Obama alla crisi, si basano molto sulla manipolazione del Dollaro e la distruzione dell’Euro. Dovreste vedere la campagna di un George Soros, il finanziere internazionale che è stato consigliere economico di Obama, contro l’Euro.
A questa si aggiunge adesso un’altra guerra. È la guerra che la Cina sta combattendo sul campo finanziario. La guerra dello Yuan sia contro l’Euro che il Dollaro .
Voler tornare, in queste condizioni, al vecchio sistema, vale a dire ad una serie di monete di piccoli Stati, significa imbrogliare sulle dimensioni.
Insisto, e Thiriart prima di me, sulla questione della “dimensione europea”. Ci sono persone in Francia che ingannano sulle dimensioni. Montebourg, per esempio, all’interno della social-democrazia, che svolge una funzione teatrale in Francia. Ricordiamo che è uno dei “Giovani Leader” reclutati e addestrati dalla ‘Fondazione franco-americana’, una delle multiple officine del “partito americano”. Ci sono anche dei piccoli-nazionalisti, la maggior parte a destra, che vorrebbero tornare a una Grande Francia, a una Grande Italia, a una Grande Spagna , ecc .
Tutto ciò non è credibile. Siamo in un momento di grandi insiemi. Siamo di fronte ad una Cina di quasi 1,5 miliardi di persone. La forza degli Stati Uniti è anche quella di essere un grande mercato unitario. E lo dobbiamo essere anche noi.
 
 
5) STATO & POTENZA: Qual è secondo voi la soluzione alla crisi? Questa soluzione esiste?

Luc MICHEL: La soluzione alla crisi esiste. Ma non esiste all’interno del sistema capitalistico.
Qual è la soluzione alla crisi? 200px-Friedrich_list_statue_at_leipzig_hauptbahnhof
Si tratta di una teoria che esiste da molto tempo. È stata definita da Friedrich List, che è un economista tedesco del XIX secolo. Questo è l’uomo che ha creato e pensato lo “Zollverein”, l’Unione doganale tedesca, che ha portato all’unificazione della Germania realizzata poi da Bismarck.
In che cosa consiste questa teoria?
Consiste nel “Nazionalismo economico”. E oggi questo dev’essere su scala europea. Si deve inscrivere in una volontà. Da un lato, la fusione delle economie di due Europe: quella dell’Unione Europea e quella del Blocco russo dell’Unione doganale (il futuro “Spazio Economico Eurasiatico”). Siamo complementari. I nostri interessi sono gli stessi. Abbiamo la stessa cultura, la stessa civiltà.
A questo blocco dev’essere attaccata anche la Turchia e l’insieme dello Spazio mediterraneo.
La soluzione è semplice. Le tre Rome – la prima Roma. Quella dell’Italia. La seconda Roma. Bisanzio, ora Istanbul. La terza Roma che è Mosca – devono unirsi per formare la quarta Roma, la Grande-Europa unita e comunitaria!
Questo implica, ovviamente, la rottura completa dei rapporti e una situazione di conflitto, che noi assumiamo perfettamente, con l’imperialismo degli Stati Uniti.
 
 
6) STATO & POTENZA: Avete cominciato l’azione del PCN in Belgio, 30 anni fa. La sede centrale del PCN si trova a Bruxelles. In che situazione si trova il Belgio?

Luc MICHEL: Una precisazione prima. Il PCN è un’Organizzazione transnazionale unitaria. Siamo nati per caso in Belgio. Proprio come già negli anni ’60 Thiriart era belga solo di passaporto. Scrivo questo perché, come me, egli si considerava “un francese in Belgio”. Noi abbiamo evidentemente sviluppato il Partito a partire da questo spazio regionale. Ma non abbiamo un attaccamento particolare al Belgio. O a qualsiasi Stato europeo attuale. Siamo transnazionali. La nostra centrale è a Bruxelles. Ma noi abbiamo dei segretariati a Parigi, in Moldavia, in Russia. Il nostro Segretario Generale, Fabrice Beaur, è installato in Russia da diversi anni. Siamo presenti nel Caucaso, vicino a Sochi, e a Mosca. Siamo molto distaccati dal sentimentalismo piccolo-nazionale.
La questione del Belgio si pone perché abbiamo cominciato lì, perché stiamo combattendo lì. Alcune delle nostre strutture sono di diritto belga. E stiamo conducendo una guerra contro “lo stato belga” da oltre 25 anni. Una guerra che ci è stata imposta.
Di cosa si tratta? Semplicemente, per interessi che sono legati alla partitocrazia o connessi a quelli della NATO, “lo stato belga” ci fa subire una repressione rampante. Negli ultimi due decenni abbiamo assisto a processi a ripetizione, attacchi politici, amministrativi, giudiziari, fiscali, di polizia, condotte contro le strutture del PCN e me stesso.
Non abbiamo quindi alcuna simpatia per lo Stato belga. Noi non siamo di quelle persone che quando “vengono colpite sulla guancia destra, porgono quella sinistra”. Rispondiamo con un pugno in faccia.
Siamo quindi degli avversari risoluti dello “stato belga”. Attualmente supportiamo tutti i tentativi, da dovunque essi vengano, volti alla dissoluzione dello “stato belga”.
Ciò significa le forze repubblicane, a destra nelle Fiandre, a sinistra in Vallonia. Vi è infatti un “movimento rattachiste” francofono che vuole che Bruxelles e la Vallonia facciano di nuovo ritorno alla Repubblica francese, di cui eravamo i cittadini sotto la Prima Repubblica giacobina e il primo Impero francese. C’è in particolare un movimento elettorale che si chiama ‘Rassemblement Vallonia-Francia”. Da qui il nome “rattachisme”. Sosteniamo anche questo.
 
 
7) STATO & POTENZA: Voi pertanto condividete le analisi di chi descrive il Belgio come un “non-stato”?

Luc MICHEL: Il Belgio è uno stato fallito, un non- stato.
Si tratta di uno stato artificiale che è stato creato nel 1830. Alcuni parlavano di “mostro geopolitico”. È stato creato per evitare che la potenza imperiale francese rinascesse. Si trattava dell’esigenza britannica di controllare la città di Anversa. Poi, è stata installata una monarchia parassitaria. Questa è la dinastia di Sassonia-Coburgo. Cugini dei Windsor britannici. Queste sono persone che hanno lanciato il Belgio, sotto il re Leopoldo II, in una sporca avventura coloniale in Congo. Si deve sapere che i campi di concentramento non sono stati inventati dagli inglesi durante la guerra contro i Boeri, non sono stati inventati da Adolf Hitler che ne ha generalizzato solo il principio, ma sono stati inventati dagli sgherri del re Leopoldo II in Congo. Questa dinastia è ancora in vigore. L’ultimo ad accedere al trono è Filippo. Questa è una classe di parassiti. Intorno a loro gravita ugualmente il ceto politico, mediatico e dello show-business. Osservate le apparizioni dei nobili, degli elementi dell’ancien régime sulle frequenze della RTBF (radio e TV francofona di stato) e vedrete quello che è il sistema belga.
Diciamolo chiaramente.
Il Belgio è molto importante in questo momento perché è il chiavistello geopolitico dell’Unione Europea.
È servito per lungo tempo da modello e la classe politica belga, in particolare i democristiani, forniscono da 50 anni i pseudo-dirigenti dell’Unione europea. Molti di loro, prima di dirigere l’Unione Europea, hanno iniziato come Segretari Generale della NATO.
La classe politica è chiaramente sostenuta dagli Stati Uniti, dalla NATO e dall’Unione Europea, che non vuole vedere Bruxelles e la Vallonia, dove hanno esattamente sede tutte queste strutture, disciogliersi. Quello che succede in Belgio, è qualcosa di molto importante.
Una cosa è importante sapere – e siamo spesso involontariamente fraintesi mentre altri ci fraintendono di proposito – che l’unica forza politica in Belgio che ha la possibilità di rompere lo “stato belga” è il nazionalismo fiammingo. Ecco perché come PCN abbiamo ottimi rapporti politici con le formazioni nazionaliste fiamminghe. Anche se ideologicamente siamo molto lontani gli uni dagli altri.
Essi hanno il potere politico ed elettorale. Quando il Belgio scoppierà (questo può accadere rapidamente o lentamente, ma il Belgio è un cadavere in decomposizione che ha solo mantenuto una parvenza di vita), quando ciò accadrà, ci sarà, auspicabilmente, un effetto domino in Europa.
 
 
8) STATO & POTENZA: La Francia occupa un posto importante nelle vostre riflessioni. Già vent’anni fa avete scritto molto sull’asse Parigi-Mosca. Ma ora denunciate l’asse Washington-Tel Aviv-Parigi.
In che situazione si trova oggi la Francia?

Luc MICHEL: Bisogna prima capire una cosa. In geopolitica, non vi è nessuna situazione acquisita. La geopolitica è un equilibrio di potere in un dato momento storico.
Vorrei prima fare un commento in modo che non ci sia confusione. Sono nato nella cultura francese, che è una grande cultura europea. Ma questo non fa di me un sostenitore della Francia. Ricordo che non ho un attaccamento particolare a uno Stato in Europa. Direi che, come afferma un grande scrittore di Liegi, in Belgio, Alexis Curvers, che “io sono un cittadino dell’Impero Romano”. Per il resto, la mia casa attuale è un progetto storico e politico. Questo è la Grande-Europa appunto. E la mia Patria, è la mia ideologia: il Comunitarismo Europeo.
La Francia è un grande paese e ha un grande ruolo geopolitico in Europa. Per delle caratteristiche che sono legate proprio alla sua cultura. Ciò che viene giustamente chiamata la “eccezione culturale francese”.
È la Francia che ha meglio resistito all’anti-civiltà Yankee, alla “McWorld” di McDonalds, al cibo spazzatura, al cinema di Hollywood.
Seconda cosa da considerare, e che fa parte della sua eredità politica, è quella di essere il paese del generale de Gaulle. È stato l’unico leader europeo che ha preso le distanze dagli americani, che ha parlato della “Grande-Europa fino agli Urali”. cdg_kroutc3Con la Russia. Egli ha detto “fino agli Urali”, perché la Siberia non era nel modo di pensare della sua generazione. Ha teso la mano a Tito, a Ceausescu, ai sovietici naturalmente. De Gaulle ha fatto uscire la Francia dalla NATO. Quando l’Unione Sovietica è disgraziatamente implosa – abbiamo annunciato questa implosione nei primi anni ’80 con Thiriart – abbiamo pensato ad un concetto di ricambio.
Io sono quello che chiamano un ideologo. Per me, questo termine non ha il senso peggiorativo che esso può avere nel linguaggio della scienza politica occidentale. Sono una persona che fornisce modi di pensare, che trasmette le tesi politiche, che crea l’ideologia e fornisce scenari per il futuro. Prima di essere un’attivista politico, prima di essere un organizzatore, io sono una persona che pensa.
La questione che si è posta quando l’Unione Sovietica è implosa, era di trovare un’alternativa. Fino a quel momento, avevamo parlato con Thiriart di un “Impero Euro-Sovietico”. Vale a dire, sostenevamo un’unificazione tra l’Unione Europea e l’Unione Sovietica avente come elemento unificatore l’URSS. Poi l’implosione dell’URSS, la Russia umiliata, il tragico decennio di Eltsin e degli oligarchi, il declino della Russia, la Russia che lascia distruggere la Jugoslavia, che lascia bombardare Belgrado.
Abbiamo quindi cercato un concetto alternativo, un’alternativa. Questo concetto è stato l’asse Parigi-Mosca. Siamo stati i primi a parlarne nel 1992. E la prima apparizione del concetto dell’asse Parigi-Mosca è in un libro che è stato dedicato al PCN, pubblicato nel 1993.
Altri poi sono seguiti. In particolare, Henri de Grossouvre, figlio di un ex consigliere di Mitterrand. L’idea si è quindi popolarizzata. Qual è stata l’idea? Era che i due poli di resistenza all’americanizzazione del mondo, la Francia da un lato con l’eredità del Generale de Gaulle e dall’altro la Russia, con il suo evidente retaggio sovietico, si unissero.
Questo concetto ha purtroppo smesso di funzionare ed è diventato completamente obsoleto con l’avvento al potere di Nicolas Sarkozy. Di Sarkozy, ho detto che era un ‘neocon con un passaporto francese’. Che cosa vuol dire? I neocons, sono gli uomini, gli ideologi del regime di Bush Junior. Che cosa ha fatto Nicolas Sarkozy? Ha importato il neoconservatorismo in Francia. Ha riportato la Francia nella NATO. Un ambasciatore americano a Parigi ha detto che Sarkozy è stato il “presidente francese più filo-americano”. E ‘vero!
La Francia si è abbassata ed è ritornata vassalla. Quando François Hollande è salito al potere, è stata un’altra classe di domestici dei nord-americani, la democrazia sociale pro-americana, quella che noi chiamiamo la “sinistra americana” in Francia, che è arrivata al comando. La tendenza che aveva realizzato Nicolas Sarkozy, è stata ulteriormente approfondita da Hollande. E siamo arrivati alla situazione a cui abbiamo assistito in Siria, per esempio, dove abbiamo visto che i migliori domestici della politica di aggressione statunitense contro la Siria baathista di Bashar al – Assad era la Francia.
A questo si aggiunge l’influenza della lobby sionista in Francia e negli Stati Uniti, che sono i due Stati in cui questa lobby sionista ha un’influenza determinante. AIPAC negli Stati Uniti e il CRIF in Francia guidano la danza della politica neoconservatrice.
Il risultato è stato che non solo l’Asse Parigi-Mosca non esisteva più, che non era più possibile, ma che è stato sostituito da un asse Washington-Tel Aviv-Parigi. Mi dispiace che alcuni continuano ancora a nutrire delle illusioni circa l’asse Parigi-Mosca. Ciò è particolarmente il caso degli eurasiatisti russi di destra, vale a dire persone che seguono Alexander Dugin. Essi operano in una visione politica che si basa sul vuoto.
 
 
9) STATO & POTENZA: Volete dire che la Francia ha terminato il suo ruolo geopolitico in Europa?

Luc MICHEL: Domanda importante!
Non credo che la Francia abbia terminato il proprio ruolo geopolitico in Europa. Perché c’è un potenziale francese.
Che cos’è questo potenziale francese? Questa è naturalmente la cultura, è l’anti-americanismo viscerale, i francesi sono i più anti-americani in Europa, ed è la memoria del lavoro del Generale de Gaulle. Credo che il cambio di regime arriverà un giorno e la Francia ritroverà il suo potenziale anti-americano.
Un secondo fatto, che è importante quando si considera la Francia, è che l’Unione Europea è costituita da rapporti di forza. Specialmente al Parlamento europeo. I paesi sono rappresentati in base alla loro popolazione. Al momento, poiché abbiamo commesso l’errore di accettare la riunificazione tedesca – vale a dire, l’annessione della RDT da parte RFG, che è un Anschluss e non una riunificazione, la Germania gode oggi di un peso politico troppo grande in Europa, ciò che spiega quello che sta facendo attualmente.
Dovete sapere che Thiriart era contro. Disse che la “DDR dovrebbe entrare un giorno come Stato separato nell’Unione Europea”. Il presidente francese François Mitterrand era ugualmente contro.
I rapporti di potere della popolazione cambieranno in Europa. In Germania, non si fanno più bambini ed è quindi sulla strada di perdere la sua popolazione. E l’unico paese in cui la popolazione cresce, è la Francia. Tra una generazione, ci sarà un grande Francia di circa 80 milioni e che di nuovo diventa il primo Stato dell’Unione Europea … se esisterà ancora tra 20 anni.
Questo è anche il motivo per cui sosteniamo il ‘rattachisme’ del Belgio francofono, vale a dire, il ritorno della Vallonia e di Bruxelles nella Repubblica francese, dal momento che è necessario rafforzare il peso della Francia per questo motivo geopolitico. E, naturalmente, i 4 o 5 milioni di francesi del Belgio, di Bruxelles, di Charleroi e Liegi, contribuiranno a rafforzare questo peso.
Ci riferiamo qui ad una strategia geopolitica e non ad piccolo calcolo politico. E non siamo nel campo affettivo. Il ragionamento che espongo, è un ragionamento logico. Mi rifaccio a due grandi scuole logiche, il marxismo-leninismo e i pensatori neo-machiavellici come Pareto, Roberto Michels, ecc. Pertanto, non scadiamo nell’emozionale. Noi facciamo delle analisi razionali, fredde.
 
 
10) STATO & POTENZA: La politica francese è dominata dalla questione del FN. Cosa pensate del Fronte Nazionale di Marine Le Pen?

Luc MICHEL: Ne penso male!
Sono un avversario radicale delle imposture politiche rappresentate dal Fronte Nazionale.
Lo abbiamo combattuto in Francia. Il nostro compagno Fabrice Beaur, ora nostro Segretario Generale, è stato anche candidato a Tolone, in un’elezione nel 1998, con una lista che è stata intitolata “I giovani contro Le Pen”.
Abbiamo anche combattuto il suo clone belga, di cui abbiamo frenato la resistibile ascesa nel 1994-1996. Abbiamo privato il FN belga di senatori e deputati – in un’offensiva politica e giuridica con cui il Consiglio di Stato belga ha invalidato le loro liste alle elezioni legislative del 1995 e municipali del 1994 – e quindi privandolo di un finanziamento significativo dello Stato, 100 milioni del tempo! Abbiamo anche fatto vietare, tra il 1994-1997, la maggior parte dei loro incontri pubblici e abbiamo avviato numerosi procedimenti giudiziari contro il FN belga.
Ma perché? Non perché improvvisamente ci fossimo avvinti alle pseudo-tesi antifasciste del regime e degli altri cani da guardia che sono un’altra forma d’impostura.
Semplicemente, noi diciamo che il FN è una farsa politica e blocca uno spazio rivoluzionario.
Imposture a livello dello stesso clan Le Pen. Sono un’azienda a conduzione familiare, con persone che sono milionari, che attraverso i loro legami sociali sono collegati all’establishment francese in quello che ha di peggio. In particolare a livello dello spettacolo. Queste sono persone che sostengono di difendere il popolo e la piccola gente, ma vivono in un castello. Si tratta di un clan familiare come ho detto. Marine Le Pen conduce il partito con Louis Aliot, che è il suo compagno. Lei è la figlia di Jean-Marie Le Pen, che ha fondato il partito. Tra gli eletti al Parlamento europeo, troviamo il padre e la figlia di Le Pen. E uno dei due membri che il FN ha all’Assemblea Nazionale in Francia, è il nipote di Jean – Marie Le Pen. Questa non è politica, è nepotismo.
Questo non è l’unica cosa ovviamente. Il FN è anche un partito che è sempre stato dalla parte dell’imperialismo e del liberalismo. Al momento, grazie ad alcuni consiglieri, il FN – dato che è un ‘partito acchiappa-tutti’, un partito che vuole mettere il becco dappertutto- ha un discorso che copia un po’ di quello che era, qualche anno fa, l’altermondialismo.
Senza tornare agli anni di Reagan – al quale un Le Pen ossequioso andò a stringere la mano – rimaniamo alla calda attualità. lepreagAndiamo a vedere il famoso ‘trattato transatlantico’, vale a dire, l’inglobamento dell’Unione Europea da parte dell’economia americana. Perché questo è il Trattato transatlantico: la distruzione della nostra cultura e l’inglobamento della nostra economia e del grande mercato della UE. Bene, i Le Pen, padre e figlia, al Parlamento europeo, hanno votato, nel 2008, a favore del trattato. Che essi oggi pretendono di combattere.
Per essere precisi, per gli scettici, Marine Le Pen, in particolare, ha votato sì al testo ‘RC B6-0209/2008′, che ‘sottolinea come il partenariato transatlantico è lo strumento chiave per forgiare la globalizzazione nell’interesse dei nostri valori comuni nella prospettiva di un ordine mondiale giusto nelle questioni politiche ed economiche; ribadisce la sua opinione dell’importanza di un mercato transatlantico funzionante e competitivo per uno sviluppo favorevole del partenariato transatlantico, che consentirà all’UE e agli Stati Uniti di affrontare insieme le sfide politiche ed economiche” e “sostiene con forza il processo di rafforzamento dell’integrazione economica transatlantica avviato dal vertice UE-USA, per l’adozione del “quadro per la promozione dell’integrazione economica transatlantica tra l’Unione europea e gli Stati Uniti d’ America” e “la creazione del Consiglio economico transatlantico (CET) per supervisionare e accelerare gli sforzi delineati nel quadro”. Nel 2013, padre e figlia hanno votato ‘sì’ alla mozione «EU trade and investment agreement negotiations with the US» (*)…
Voglio affrontare un ultimo punto per rispondere alla vostra domanda. Ci sono attualmente, nella periferia del FN, persone che sostengono un discorso filo-iraniano, che tengono anche un discorso ‘pro-immigrazione ‘, che si definiscono anti-sionisti. Così vorrei affrontare la questione del sionismo dei dirigenti del FN. Il padre Le Pen ha sempre difeso le posizioni cosiddette “anti- semite”, ma è stato anche lui uno dei difensori di Israele per odio verso gli arabi. L’attuale FN, principalmente attraverso Louis Aliot, il compagno di Marine Le Pen, che è anche vice-presidente, ha fatto un gesto di riconciliazione con la destra sionista e con Israele.
 
 
11) STATO & POTENZA: Ma siete contrari al FN anche per opposte visioni politiche?

Luc MICHEL: Esattamente! Siamo oppositori del FN soprattutto per il suo progetto politico, che è incompatibile con il nostro.
È stata anche nel ’80 la posizione di Thiriart, che ha mostrato pubblicamente il suo disprezzo per Le Pen. Qual è il progetto del FN? Il ripiegamento nazionale, la xenofobia volgare. Noi siamo, al contrario, per una “Grande-Europa senza frontiere interne” (queste sono le tesi di Thiriart, e sono le mie). thiriart2E abbiamo fatto fin dal ’80 una campagna in anticipo per l’ingresso della Turchia nell’Unione Europea. Riteniamo pertanto che le posizioni del FN siano totalmente incompatibili con la nostra. Una questione di logica ideologica fondamentale.
Ma siamo anche contrari al FN per ragioni di pura politica.
Noi crediamo che debba essere creata una grande forza di opposizione. Questa forza deve unificare gli scontenti ai due estremi dello spettro politico. A destra e a sinistra. Ecco perché siamo spesso accusati di “bolscevismo nazionale” o di “nazional-comunismo”, ideologie che abbiamo effettivamente rivitalizzato nel 1983, dieci anni prima di Dugin. Ma non si imbrogli: noi abbiamo sostenuto in passato e lo abbiamo sostenuto ancora, abbiamo parlato della costituzione in Belgio e in Francia di un “Fronte Nero Rosso Verde”. E l’abbiamo fatto ed organizzato. Nero per i rivoluzionari nazionalisti, rosso per i socialisti e i comunisti, verde per gli ambientalisti radicali. Ma intendiamo strettamente questa unità alla base. Vale a dire per gli attivisti e le clientele politiche.
Perché questa unione possa esistere, devono scomparire ciò che noi chiamiamo “gli argini”, che ha creato il Sistema. Che cosa sono? Queste sono le persone all’estrema destra e all’estrema sinistra, che sono incaricate di frenare il malcontento e di prevenire che si possano unire tutti i malcontenti, quelli che un giornalista francese ha chiamato “i nemici del Sistema”, in un grande movimento anti-Sistema. In Francia, è per esempio il ruolo assegnato a destra a Marine Le Pen e a sinistra a Mélenchon.
Qual è lo scopo di Marine Le Pen? Non è la rivoluzione in Francia. Ma diventare un ministro in un grande governo di destra. Un vecchio scenario già giocato in Italia da Gianfranco Fini. E fino a quando si oppongono destra e sinistra, estrema destra ed estrema sinistra, anti- fascisti e nostalgici del fascismo, il Sistema dispone di una totale tranquillità. È, per usare un linguaggio più diretto e più banale, una sorta di ‘sfruttamento della prostituzione agli estremi’, organizzata dai sostenitori del Sistema.
 
 
12) STATO & POTENZA: Un’altra grande forza dell’Unione Europea, la Germania. Come valutate il ruolo svolto dalla Germania negli ultimi anni?

Luc MICHEL: Lo giudico molto negativamente!
La Germania, che cos’è? Un po’, su scala ridotta, come una piccola Unione Europea. La Germania è un gigante economico ma un nano politico. La politica di Berlino è totalmente sotto il controllo della NATO e degli Stati Uniti. Questi ultimi, inoltre, giocano molto intelligentemente. Lasciano ai paesi europei, che loro occupano dal 1944, la nostalgia della loro passata grandezza. E la Germania ha una chiara nostalgia del ruolo geopolitico che ha svolto nel II° Reich di Bismarck e di Guglielmo II e nel III Reich di Adolf Hitler, in particolare nei paesi baltici, nell’Europa centrale e dei Balcani. Tutto questo a cosa serve? All’espansione della NATO verso l’Est!
Cos’ha fatto la Germania per 20 anni?
Ha giocato un ruolo fondamentale nella distruzione della Jugoslavia, sostenendo l’indipendenza slovena e croata. La Germania, e in particolare il generale della Bundeswehr, ha anche svolto un ruolo molto sporco nei paesi baltici, sostenendo gli ultra-nazionalisti baltici, nostalgici della Collaborazione, che mantengono l’agitazione anti-russa.
E guardate cosa sta succedendo ora in Ucraina!
È davvero un’operazione guidata da Berlino e dai suoi servizi segreti per rovesciare il legale e legittimo governo di Yanukovich. Per sostituirlo con un regime filo-occidentale. Un regime fantoccio. Un solo esempio. Il probabile futuro candidato della NATO dell’opposizione unita alle elezioni presidenziali in Ucraina nel 2015, il pugile Klichko, ha un passaporto tedesco. Il suo partito è stato fondato a Monaco di Baviera (questo non s’inventa!). L’estrema destra dei gruppi neo- fascisti, i “benderisti”, questi nostalgici ucraini di Bendera, dei pogrom anti-ebraici, anti-polacchi e anti-russi degli anni 1941-1945, anche queste persone sono sotto il controllo del BND (il servizio segreto tedesco) fin dai primi anni ’50 con il famoso generale Gehlen. Che ci riporta al ruolo giocato da Adolf Hitler nella direzione di quella parte dei servizi segreti nazisti che si occupavano dell’agitazione antisovietica nei paesi dell’Est.
La Germania ha quindi un ruolo estremamente negativo.
Ho detto prima sulle “illusioni circa un Asse Parigi- Mosca”. A volte le persone parlano di un asse Parigi-Berlino-Mosca e continuano a filosofeggiare su di esso ma, lo ripeto, non basandosi su niente. Basta guardare all’Ucraina.
Ma, invece, c’è un enorme potenziale.
Che cos’è? È una tradizione della politica tedesca dal 1918, e ci ricongiungiamo qui all’universo del Nazional-bolscevismo, che è “l’orientamento verso l’Est”.
Se l’Unione Europea si disintegra, o se la UE torna ad un confederalismo morbido, o se il blocco della NATO si disgrega, l’alleanza naturale della Germania sarà con la Russia. Così, invece di essere un elemento di confronto, la Germania diventerà un ponte tra le due Europa. Tra l’Unione Europea e la seconda Europa eurasiatica che Mosca sta cercando di costruire.
 
 
13) STATO & POTENZA: Veniamo all’Italia. Come valuta il ruolo svolto dall’Italia negli ultimi anni?

Luc MICHEL: Quando vedo l’Italia e la sua vita politica che seguo quotidianamente, penso inevitabilmente al Belgio. La vedo, come per il Belgio, come uno Stato quasi fallito. Vedo come una casta politica abbia condotto un intero paese al saccheggio. Vedo l’inefficienza, la corruzione e gli stessi partiti. Ricordate che i due paesi europei che sono stati dominati dalla Democrazia cristiana, sono proprio il Belgio e l’Italia.
Vedo anche una seconda cosa, e ci si ricollega a quanto detto sulla Germania, che è la nostalgia neo-coloniale. L’Italia ha giocato per troppo tempo una sporca carta colonialista in Libia, dai tempi della lotta del grande condottiero Omar Mukhtar. E oggi, vediamo che la NATO affida all’Italia la ricolonizzazione della Libia attraverso la creazione di un esercito coloniale fantoccio.
L’Italia, il Belgio e perfino la Francia non avrebbero, in questo settore, una così grande importanza se presi da soli. Ma l’importanza è nell’analisi del fenomeno generalizzato. Questo è ciò che i marxisti chiamavano la “borghesia compradora”. Si riferivano, in quel momento, alla borghesia dell’impero portoghese, in particolare a quella di Macao, che ha aiutato i portoghesi a colonizzare.
La classe politica dell’Unione Europea, è una grande borghesia compradora. Che cosa significa? Significa che queste persone non hanno più il potere politico e che per mantenere la dominazione in quanto classe dirigente economica – la dominazione economica, il potere della borghesia – hanno deciso di sottomettersi al potere politico degli Stati Uniti.
993926_543426592383182_746817882_n1Quando gli Stati Uniti sono intervenuti in Europa, il 6 giugno del 1944, non sono venuti per liberare l’Europa, ma per occuparla. Nel linguaggio, usato fino ad oggi dagli storici, dai militari e dai generali americani, lo sbarco in Normandia si chiama “invasione”. Così è più chiaro! Non “Liberazione” o “Lo sbarco”. Ma “Invasione!”.
Gli americani non sono più ripartiti. Sono sempre lì dal 1944. Qual è la loro tecnica? Utilizzare in tutta Europa una borghesia compradora. Per parlare direttamente, direi che la classe politica europea è costituita dagli sconfitti del 1939-1940. E in Germania e in Italia dagli sconfitti del 1944-1945.
Quando si capisce questo, si vede come la classe politica europea non è una classe che esercita il potere.
Ne sono un esempio lampante, attualmente, le avventure coloniali della Francia in Africa. Libia, Mali, Repubblica Centrafricana. Molti intellettuali africani fanno delle analisi carenti sotto questo aspetto. Dicono che è il ritorno della “Françafrique”. Cos’è la Françafrique? È quel termine dispregiativo con cui si è designata la politica africana della Francia, purtroppo, sotto il generale de Gaulle e i suoi successori. Questa era una realtà. C’era una politica africana francese indipendente fino a Giscard d’Estaing. Poi, gradualmente, siamo passati di nuovo ad una Francia in orbita americana. Da Sarkozy a Hollande, è completamente assoggettata alla politica estera di Washington.
La ‘Francafrique’ è ancora una realtà, ma una realtà solo nella misura in cui gli Stati Uniti accettano che la Francia possa ancora svolgere un ruolo politico in Africa e avere un’influenza economica.
Chi è il manovratore in Libia, Mali e Centrafrica?
È l’Africom. E il comando statunitense di Napoli. Coloro che non lo vedono, non possono capire che la Francia in Africa non è più imperialismo o neocolonialismo, ma la Francia di Francois Hollande è diventata solamente la fanteria coloniale di Washington.
 
 
14) STATO & POTENZA: La Russia ha sempre avuto un posto centrale nelle vostre analisi. Come valuta il ruolo svolto dalla Russia negli ultimi anni?

Luc MICHEL: Ci tengo prima di tutto a farvi la stessa osservazione che ho fatto per la Francia. Amo la cultura russa. Ero sposato con una russa. Ho anche vissuto con un’ucraina. Io sono considerato, anche nelle false biografie di Wikipedia pubblicate contro di me dagli uffici mercenari della NATO, come un “slavofilo intellettuale”. Ma qui siamo nel campo emozionale, personale.
Ma la mia posizione nei confronti della Russia non è determinata dal sentimento. È determinata dalla geopolitica.
Attualmente in Europa, e questo era già vero negli anni ’70 e ’80, c’è solo uno Stato veramente indipendente da Washington, ed è la Russia. E prima c’era questo “Impero russo rosso” che era l’URSS. La Russia ha assunto una parte dell’eredità dell’Unione Sovietica, anche se è molto ridotta. È la seconda potenza nucleare globale. Ha i mezzi, le riserve, un immenso territorio, il petrolio e il gas, ma purtroppo non ha una grande popolazione. Questa è la realtà!
Al momento crediamo che l’unica chiave per la liberazione e l’unificazione della Grande-Europa provenga dalla Russia. Noi vediamo la Russia come il “Piemonte d’Europa”. Voi siete italiani. Sapete del ruolo che ha giocato il regno del Piemonte-Sardegna nel processo d’unificazione italiana, nel Risorgimento. Noi sogniamo un “Risorgimento grande-europeo”.
C’è un’altra analogia storica che mi piace, ed è quella della Macedonia.
Voi sapete che le Città greche, che condividevano una cultura e una civiltà comune, si combattevano. Esse non erano in grado di unirsi. Questo è simile a ciò che accade oggi nell’Unione Europea. E fu una potenza di cultura greca non appartenente al nucleo originario, il regno di Macedonia con Filippo e Alessandro, ad unificare la Grecia. Con la forza.
Prima, un ideologo troppo spesso sconosciuto, Isocrate, aveva teorizzato e convinto la leadership macedone della necessità di realizzare la “più-grande Grecia” unitaria. Che si è compiuta sotto il motto del geniale Isocrate: “Una sola Grecia, un solo popolo”.
Riteniamo quindi che la Russia possa e debba avere un “ruolo macedone”.
E noi concepiamo l’azione ideologica del PCN, la più importante in questa fase, come quella di un “Isocrate collettivo”.
(…)
Le ragioni, ovviamente, non si fermano qui. Viviamo in un mondo conflittuale e non virtuale. Nel mondo di oggi, non ci sono migliaia di campi. Noi non siamo come quei degenerati intellettuali francesi di estrema sinistra della politica politicante, quelli del “né-né”. Quando gli americani attaccarono da qualche parte, essi non erano per la NATO, ma in Libia per esempio, non erano neanche per Gheddafi. Nella vita, bisogna prendere una posizione. E più ancora in geopolitica.
Noi siamo quindi con la Russia, in quanto è il centro di resistenza alla NATO e agli Stati Uniti. E questo è riconosciuto anche dall’altra parte, dagli Stati Uniti e della NATO, dai geopolitici americani che la considerano come l’avversario principale.
La nostra Organizzazione è stata coinvolta nella maggior parte dei paesi dell’Europa orientale da oltre 15 anni. LM-PCN-SPO-35-millions-dukrainiens-ctre-lUe-2013-12-08-FR-4Abbiamo aiutato, come meglio potevamo, nelle operazioni politiche, nella propaganda. Siamo andati nei paesi baltici e nella Jugoslavia morente. Siamo andati in Moldavia, in ‘Transnistria’, che in realtà si chiama ‘Repubblica moldava del Dniestr’. Siamo andati nel Caucaso, in Abkhazia, in Armenia. Siamo andati naturalmente in Russia e anche Ucraina, soprattutto durante le elezioni. Perché? Perché è la base che in quelle situazioni si vede.
Ho svolto personalmente, durante un periodo della mia vita negli anni 1998-2005, una grande attività per la difesa delle minoranze russe nei paesi baltici. Questa è una situazione che ho vissuto intimamente in quanto mia moglie era una russa di Riga.
 
 
15) STATO & POTENZA: Voi avete inoltre teorizzato la Russia come una “Seconda Europa”, sul solco del vostro “Impero euro-sovietico” degli anni ’80. Cosa intendete dire con “Seconda Europa”?

Luc MICHEL: Questa è una tesi geopolitica che ho teorizzato nel 2006.
Vale a dire che il blocco che si sta ricostruendo intorno alla Russia – per esempio con il Gruppo di Shanghai, il Trattato per la Sicurezza Collettiva, lo Spazio Economico Eurasiatico, l’Unione doganale, l’Unione statale Bielorussia-Russia, ecc … – contribuisce a costruire un polo di potere in Oriente che è una ‘Seconda Europa’. Una Seconda Europa. Un’Altra Europa.
Siamo estremamente irritati dall’arroganza dei piccoli politici europei che non sono altro che i piccoli barboncini degli Stati Uniti e che pretendono di essere l’”Europa”. La Russia è anche l’Europa! Lo diciamo da 30 anni.
Non sono evidentemente l’unico a definirla come una ‘Seconda Europa’. Ci sono ideologi russi che la definiscono tale. Anche all’interno dell’Unione Europea, in particolare negli istituti della NATO nei paesi baltici, ci sono persone che si preoccupano di quest’altra Europa che si costruisce di fronte – e secondo alcuni contro- l’Unione europea.
E qui siamo nel cuore dell’attualità!
Quello che sta accadendo in Ucraina, non è questione di gas e di Mercati. È lo scontro tra due visioni opposte di Europa.
Da un lato, l’Unione Europea, vale a dire un’Europa economicamente e militarmente annessa agli Stati Uniti. Il nostro segretario generale Fabrice Beaur vi si riferisce abitualmente come ad “una colonia yankee”. Questa Europa che tenderebbe infine ad integrarsi in un insieme transatlantico. Lo dicono loro stessi.
Dall’altra parte e di fronte a questa, c’è una visione di un’Europa che è un’Europa indipendente, eurasiatica. E questa è la visione del presidente Putin. Sono rimasto particolarmente soddisfatto dall’ultimo discorso di Putin sullo stato della Russia nel 2013. Perché per la prima volta, Putin si oppone non solo al mondo occidentale in modo pragmatico, ma comincia a definire una nuova ideologia russa. È chiaramente una strategia per il futuro.
Diciamo “L’Europa da Vladivostok a Reykjavik” e non viceversa …
 
 
16) STATO & POTENZA: Un’ultima domanda. Che cosa vi aspettate nel 2014?

Luc MICHEL: Non mi aspetto niente di speciale. La nostra concezione dell’azione politica è quella di un disegno intenzionale. Siamo delle persone che dicono che bisogna lottare e camminare a testa alta.
Io sono considerato un nemico mostruoso dalla NATO e dal sistema belga. Non ho mai abdicato. Tengo duro. Rispondo ai colpi e generalmente lo faccio bene. Mi piace. Ed è così.
Sono infastidito dalla gente che si aspetta i miracoli, i cambi improvvisi, che si aspettano non so cosa e soprattutto cose che non esistono.
Vorrei in particolare richiamare l’attenzione sulla visione ottimistica ed irrealistica di alcuni. Si parla un po’ troppo spesso di un “collasso americano”. Ma parliamo francamente! Non c’è ancora al mondo che un’unica superpotenza mondiale, gli Stati Uniti.
In un determinato momento, in particolare l’intellettuale francese Emmanuel Todd ed io, abbiamo creduto che gli Stati Uniti stessero affondando lentamente. A causa della questione dell’energia e del petrolio. E purtroppo è arrivato il gas e il petrolio di scisto. E gli Stati Uniti saranno, entro il 2018, non solo autonomi, ma diventeranno un esportatore importante, dal punto di vista energetico, per almeno una generazione.
Dovete capire una cosa. È necessario leggere l’avversario. “Farsi insegnare dall’avversario è un onore”, ha detto il Generale Haushofer, riprendendo una vecchia massima romana.
Bisognerebbe leggere i geopolitici americani.
Uno dei principali, perché è uno dei portavoce della lobby militare-industriale degli Stati Uniti, è George Friedman. Egli è il capo dell’Istituto di ricerca strategica Stratfor. Ha scritto recentemente due libri di prospettiva geopolitica, dove evoca chiaramente un “XXI secolo americano”. 1795873596 Lui e i suoi amici fanno una scommessa geopolitica sul crollo di Russia e Cina.
Il 2014 è, invece, un anno importante per la nostra Organizzazione transnazionale.
Noi andiamo a marcare due eventi – non a commemorare perché non siamo di quel genere -, un doppio anniversario:
* Da un lato, i 30 anni del PCN (Partito Comunitario Nazional-europeo), la cui nascita risale al suo primo Congresso nel giugno 1984 .
* Dall’altra parte, il 50° anniversario del documento fondante della nostra ideologia, il libro di Jean Thiriart “L’Europa. Un Impero di 400 milioni di uomini”, che è stato scritto nel 1964.
Sessant’anni d’ideologia comunitaria europea. Trent’anni del legittimo erede di Jean Thiriart, il PCN. L’idea e la realizzazione dell’idea in marcia, come direbbe il grande Mazzini.
Marcheremo questo doppio anniversario con numerosi eventi, soprattutto su Internet. Ma anche con la ripresa di alcune pubblicazioni editoriali, fuori dalle riviste e da Internet, con le “Edizioni Machiavelli” (fondate nel 1983).
 
 
17) STATO & POTENZA: Un’ultima parola per i nostri militanti e i nostri lettori?

Luc MICHEL: Vorrei davvero dire un’ultima parola ai lettori del vostro periodico. Mi piace molto il vostro titolo. L’avete ripreso da Zjuganov, dall’edizione italiana del suo libro, “Stato e Potenza”. Schermata 2014-01-05 a 9.15.29 PMSapete che Zjuganov, che rappresenta l’Eurasiatismo di sinistra è anche, da un punto di vista geopolitico, erede di Thiriart, che aveva incontrato a Mosca nell’estate del 1992. Proprio nell’edizione italiana di “Stato e Potenza”, si rende omaggio a Thiriart, al nostro “Impero euro-sovietico”. Quell’incontro, cui partecipò anche Egor Ligaciov, l’ex n°2 del PCUS, fu il risultato di dieci anni di lavoro del PCN, delle Edizioni Machiavelli, di Thiriart e mio. Dal 1983, abbiamo pubblicato e trasmesso in URSS, attraverso la frazione patriottica del PCUS e le sue reti, libri e riviste in russo …
Così mi piace il vostro titolo per questi motivi.
A volte siamo in disaccordo su cose secondarie. Ma voi insistete, come noi, sull’elemento centrale: il ruolo dello Stato.
Il problema della questione economica, il problema dell’Unione Europea, è la scomparsa dello Stato. Scomparsa voluta dalla Finanza cosmopolita liberale internazionale e dagli USA.
Mi avete dato il piacere di tradurre e pubblicare in italiano, nelle vostre colonne, uno dei miei più importanti editoriali del 2011 (**), dove ho spiegato che la vera divisione politica nel XXI secolo non sarà tra sinistra e destra, tra fascismo o antifascismo, tra capitalismo e socialismo, ma tra i sostenitori dello Stato contro i sostenitori del Mercato e del liberalismo.
È estremamente chiaro.
O noi andiamo a ricostruire un grande-Stato-europeo per garantire la sicurezza, per mantenere la civiltà, per risolvere tutti questi problemi che sono la mafia, la criminalità organizzata, la droga, la tratta di esseri umani… Problemi in gran parte legati alla scomparsa dello Stato.
O noi cadremo nel caos liberale. Caos organizzato. Perché nella giungla, solo il più forte, il più potente, può sopravvivere mangiando l’altro.
Questa non è la mia visione del mondo. Questo non è il futuro che voglio per l’Umanità.
L’Umanità è progredita quando è stata in grado di unirsi. L’Umanità è progredita culturalmente nell’alveo dei grandi Imperi e mai durevolmente e significativamente altrove.
È tempo, per tutti i sostenitori dello Stato nel mondo, di incontrarsi e, questa è la mia conclusione, di combattere insieme l’incubo del caos liberale.
Vi ringrazio.

 
 
STATO & POTENZA: Grazie Luc Michel.

 
 
___________________

(*) Sul tema sensibile del voto dei Le Pen a favore del Grande mercato transatlantico al Parlamento europeo, si può consultare questo documento indiscutibile:
http://www.votewatch.eu/en/eu-trade-and-investment-agreement-negotiations-with-the-us-motion-for-resolution-after-paragraph-10–2.html

(**) Luc MICHEL, La scissione vera e propria in Russia (come altrove): patrioti statalisti contro liberali, Stato & Potenza:
http://www.statopotenza.eu/1372/la-scissione-vera-e-propria-in-russia-come-altrove-patrioti-statalisti-contro-liberali